Bambini e animali domestici: igiene e regole in casa

cani gatti e bambini

Veterinari e pediatri sono ormai concordi sul fatto che bambini e animali possono vivere a stretto contatto sin dalla tenera età. Anzi, è stato appurato che i bimbi che crescono in una casa con cani o gatti sono meno soggetti a disturbi dell’apparato respiratorio, sviluppano un miglior sistema immunitario e perciò, si ammalano meno. Anche secondo la psicologia bambini e animali sono un’accoppiata vincente che favorisce lo sviluppo sensoriale del neonato ma anche il senso di autostima, di responsabilità e affettività nei bimbi più grandi. Ovviamente, però, ci sono delle regole da seguire soprattutto per quanto riguarda l’igiene.

Bambini e cani: consigli per una convivenza tranquilla

Il cane viene considerato “il migliore amico dell’uomo” per la sua indole affettuosa e fedele, ed è proprio per questo che bambini e cani possono convivere tranquillamente nella stessa casa. Di certo quando si hanno neonati e animali in casa l’igiene deve essere molto accurata, senza farla però diventare una malsana ossessione. Innanzitutto cerca di mantenere sempre ben pulite le ciotole e la cuccia del cane, nonché i pavimenti di casa ed eventuali tappeti o divani ai quali l’animale ha accesso. Inoltre, se da una parte è vero che il contatto tra peli del cane e neonato riduca il rischio di allergie, ricordati di spazzolare spesso il mantello del cane e di passare frequentemente l’aspirapolvere. Dedica particolare attenzione alla sua igiene: passa una salvietta nelle sue parti intime una o due volte al giorno per rimuovere eventuali tracce di feci e urina. Dato che il cane esce spesso, quando rientra in casa prendi la buona abitudine di passare sotto e sopra le sue zampe una salvietta o un panno bagnato con un prodotto specifico per cani. Anche il suo musetto dovrebbe essere regolarmente pulito dopo i pasti e le passeggiate. Riguardo al bagnetto, invece, ci sono teorie differenti. In generale un cane che non si sporca eccessivamente può essere lavato a cadenza bimestrale, avendo cura sempre di utilizzare prodotti specifici e asciugandolo sempre molto bene per mantenere il pelo morbido e lucido. Se invece c’è la necessità di lavarlo più frequentemente puoi optare per un pratico shampoo a secco. Un’altra questione spinosa è quella del cane che lecca il neonato (o bambino). Sebbene i nostri cani oggi siano piuttosto puliti e vaccinati, è sempre meglio evitare questa manifestazione d’affetto soprattutto con i bambini perché ci sono alcuni batteri o parassiti che possono essere trasmessi proprio per via oro-fecale. Bisogna infatti ricordarsi che per quanto un cane possa essere pulito, entra spesso in contatto con residui di escrementi sia suoi che di altri animali. Per questo motivo può essere utile passare una salvietta sul suo muso quando rientrate a casa dalla passeggiata. Inoltre, sappi che se è il bambino a essere l’ultimo arrivato il cane potrebbe diventarne geloso. Quindi cerca sempre di dedicargli le giuste attenzioni e sin dal primo incontro permettigli di annusare il piccolo e non allontanarlo mai bruscamente. Infine, molti genitori si chiedono se neonato e cane possano dormire nella stessa stanza. Per quanto sia una situazione molto tenera, in generale fino a che il bambino è piccolo è meglio evitare in quanto l’interazione tra bimbo e animale dovrebbe sempre avvenire sotto agli occhi di un genitore.

Bambini e gatti possono convivere serenamente?

I gatti sono animali un po’ particolari, molto abitudinari e affezionati ai loro spazi ma ognuno di loro ha anche la propria personalità. Nel caso in cui l’ultimo arrivato in casa non sia il micio ma il bambino, questo potrebbe essere un evento molto spiazzante per il felino. Per evitare il malessere del gatto puoi iniziare ad apportare tutti gli eventuali cambiamenti (ad esempio lo spostamento di cuccia, ciotole, lettiera e giochi) in maniera molto graduale durante la gravidanza. Quanto al primo incontro, vale lo stesso suggerimento dato per il cane: presenta il neonato al gatto, lasciaglielo annusare e non cacciarlo mai sgarbatamente. Ricorda che è molto importante lasciare interagire spontaneamente bambini e gatti, ovviamente sempre supervisionando la situazione. Da un punto di vista igienico, invece, sebbene alcuni studi indichino che i neonati a contatto con i peli di gatto abbiano meno probabilità di sviluppare allergie, è importante adottare alcune accortezze. Innanzitutto è bene sapere che il gatto spesso è attratto dal neonato in culla: si tratta di un giaciglio molto ambito dal micio, in quanto comodo e confortevole. Inoltre il corpo del bimbo emana calore e il gatto potrebbe decidere di accucciarsi proprio sopra di lui. Quindi, chiudi sempre la porta della cameretta oppure utilizza una rete apposita per proteggere la culla. Come ben saprai i gatti provvedono da soli alla loro igiene personale, ma avendo in casa un bambino è meglio essere scrupolosi, soprattutto se il micio è abituato a uscire all’aperto:

– spazzola almeno due volte a settimana il gatto, anche quotidianamente se ha il pelo lungo. In questo modo puoi rimuovere i peli in eccesso ed evitarne lo spargimento in giro per casa;
puliscigli regolarmente gli occhi e le orecchie con prodotti appositi, in quanto sono zone particolarmente delicate che possono diventare sedi di patologie;
– fagli il bagnetto ogni mese in estate e ogni due in inverno. Se il tuo gatto non ama l’acqua puoi optare per uno shampoo a secco, questa tipologia di prodotto è molto utile per gli animali che escono in giardino e che perciò necessitano di una pulizia più frequente;
– tieni la lettiera fuori casa o in bagno e puliscila quotidianamente. Attenzione anche alle ciotole, mettile in un posto che non siano a portata di mano del bambino;
passa l’aspirapolvere quotidianamente e lava i pavimenti almeno 2/3 volte a settimana (meglio ancora se ogni giorno).
Infine, sia i gatti che i cani dovrebbero essere portati regolarmente dal veterinario e sottoposti alle vaccinazioni necessarie. Oltre alle faccende igieniche, però, bisogna poi far capire al bambino che il cane e il gatto non sono un giocattolo ma un esseri viventi, quindi come tale devono essere trattati, evitando gesti che possano irritarli come tirare la coda, disturbarli mentre mangiano o dormono.

Vuoi ricevere uno sconto ogni settimana?
Iscriviti ora alla nostra Newsletter!

Assicurati di essere tra i primi a ricevere sconti e offerte esclusive, riservate agli iscritti alla nostra newsletter. Ogni settimana, direttamente nella tua casella di posta, riceverai un codice coupon che ti farà risparmiare sui tuoi acquisti su Farmacosmo.


Do il consenso a ricevere offerte via email e per finalità di marketing diretto
Dichiaro di aver preso visione dell' Informativa Privacy


Lascia un commento