Febbre alta nei bambini: cosa fare?

bambina con la febbre

Non c’è mamma che non si allarmi se al bambino sale la febbre. La febbre alta nei bambini è un evento abbastanza comune ma, soprattutto nelle mamme alla loro prima esperienza, fa entrare subito in crisi.
Per questo motivo, la prima cosa che va sottolineata è che la febbre di per sé non è una malattia, ma il sintomo che qualcosa non va nell’organismo. La febbre è uno strumento di difesa che si attiva in presenza di un virus o di un batterio. La temperatura corporea che aumenta contrasta il proliferare di questi agenti patogeni, e per tale motivo, se la febbre non è molto alta, non conviene intervenire subito con i farmaci.
In seguito a una vaccinazione o durante la dentizione può salire la febbre da denti nei bambini.
Per tale motivo, la prima cosa che si raccomanda alle mamme è di mantenere la calma.
Normalmente, nei bambini sopra i quattro anni, la temperatura corporea è compresa tra i 36,5° e i 37,3 gradi. Ricordiamo che la febbre segue un ritmo circadiano. Ciò sta a significare che la temperatura è più bassa al mattino, e tende a salire tra le 16 e le 18 del pomeriggio.
E’ considerata febbre nei neonati, anche un rialzo termico oltre i 37 gradi. Ma dobbiamo considerare una febbre alta, quando la temperatura supera i 38°.
Diceva un vecchio medico di famiglia, che la mamma è il miglior medico per il suo bambino, perché nessuno lo conosce meglio di lei e si può accorgere che qualcosa non va, anche prima di misurare la temperatura, dal suo comportamento inusuale, e mettendogli semplicemente una mano sulla fronte.

Quali sono i sintomi che ci fanno sospettare che il nostro piccolo ha la febbre?

– Se ha gli occhi arrossati;
– Se è svogliato, apatico, sonnolento;
– Se non vuole mangiare;
– Se è più pallido del solito, o viceversa se ha il volto arrossato.
– I neonati possono manifestare irrequietezza, pianto flebile, inappetenza: a questo proposito, non insistere per farlo mangiare. La febbre dà inappetenza.

Come si misura la febbre ai bambini e quante volte al giorno?

Eliminati i vecchi termometri a mercurio, esistono oggi in commercio, diverse tipologie di termometri. Sarebbe preferibile utilizzare un termometro elettronico da porre sotto l’ascella. E’ quello che dà una maggiore affidabilità. Per i più piccoli ci sono quelli auricolari, che si inseriscono nel padiglione auricolare e che hanno un’attendibilità di circa mezzo grado in più o in meno e quelli che si appoggiano sulla fronte.
Nei neonati, si può rilevare la temperatura per via rettale, inserendo il bulbo del termometro per circa 5 cm per circa quattro minuti. Ma da questa temperatura rilevata, occorre sottrarre 0,5 gradi centigradi (es. se il termometro mostra una temperatura di 38,5°, la reale temperatura è di 38 gradi).
E’ bene misurare la temperatura quattro volte al giorno. Di solito non in concomitanza con il pasto. Meglio attendere un’ora dopo che il bambino si è alimentato. La mattina, a mezzogiorno o almeno un’ora prima del pasto, alle quattro del pomeriggio e la sera verso le otto, le nove.
Ovviamente, se non notiamo un peggioramento.

Come abbassare la febbre ai bambini?

Quali farmaci possiamo dare se la temperatura supera i 37,8°?
Se dopo 48 ore, la febbre non tende a diminuire, se è accompagnata da malessere generale, possiamo somministrare farmaci a base di paracetamolo o di ibuprofene. Sono i soli consentiti per la cura di un bambino. Aiutano a fare scendere la temperatura, e a combattere dolori muscolari o mal di testa. Ovviamente, faremo riferimento al nostro Pediatra di fiducia per la modalità di somministrazione e per le dosi consigliate.

Cosa fare quando il bambino ha la febbre?

– Farlo bere spesso per evitare la disidratazione;
– Non coprirlo eccessivamente. E’ bene che la pelle possa traspirare per disperdere il calore della febbre;
– Non insistere per farlo rimanere a letto se non lo chiede espressamente;
– Mantenere una temperatura costante nella sua stanza, non fredda ma nemmeno troppo calda. L’ideale sarebbe intorno ai 18 gradi;
– Non smettere di allattarlo al seno se è un poppante.

Febbre nei bambini: quando preoccuparsi?

Fino ad ora, abbiamo parlato della febbre che colpisce frequentemente tutti i bambini e che non costituisce un serio pericolo per la salute.
Ma ci sono alcuni sintomi che non vanno sottovalutati e che richiedono la necessità di rivolgersi al Pediatra senza indugio.
– La febbre dura da più di 48 ore;
– Quando sale la temperatura il bambino presenta brividi;
– Se ha diarrea o vomito;
– Se è sonnolento e fatica a rimanere sveglio;
– Se ha la gola infiammata e non riesce a deglutire;
– Se ha forte mal di testa;
– Se ha tosse secca e stizzosa che non gli consente di riposare;
– Se ha difficoltà respiratoria;
– Se urina poco;
– Se presenta macchie sul corpo;
– Se il respiro è corto e affannato (tachipnea).

In questi casi, la febbre potrebbe essere causata da un’infezione alle vie respiratorie o del tratto genitourinario o gastroenterico. Oppure potrebbe avere contratto una malattia esantematica.

Facciamo degli esempi:
– Ripetuti episodi di diarrea e vomito biliare (di colore verde giallastro), potrebbero indicare una gastroenterite, che può causare disidratazione;
– Se urina poco e spesso, ed ha dolore alla minzione, potrebbe essere un’infezione delle vie urinarie, non rare nei bambini come negli adulti, spesso causata da un enterobatterio l’Escherichia Coli;
– Se ha la gola infiammata potrebbero esserci delle placche di pus che fanno innalzare rapidamente la temperatura. Questa è un’infezione molto comune nei bambini, la più abitualmente nota come“tonsillite”;
– Se ha macchie sul corpo, può trattarsi di una malattia esantematica, di quelle non comprese nei vaccini, o anche di una reazione allergica a qualche alimento o ad altre cause. Anche una forte reazione allergica può portare febbre alta.

Mantenete la calma, e contattate al più presto il Pediatra, che in alcuni casi potrà prescrivere l’antibiotico adatto a debellare l’infezione, o nel caso di una malattia virale, saprà indirizzarvi verso la terapia migliore da praticare.
Chi è già mamma lo sa. I bambini vanno soggetti spesso alla febbre. In media ogni bambino contrae la febbre da tre a quattro volte in un anno. Soprattutto quelli in età scolare, perché in ambienti chiusi e con tanti altri bambini, è più facile contagiarsi. Quindi non lasciamoci prendere dal panico. Aiutiamoli a farli sentire meglio mostrandoci serene e sempre presenti. Pochi giorni, e il nostro cucciolo tornerà sano e vispo come prima.

Vuoi ricevere uno sconto ogni settimana?
Iscriviti ora alla nostra Newsletter!

Assicurati di essere tra i primi a ricevere sconti e offerte esclusive, riservate agli iscritti alla nostra newsletter. Ogni settimana, direttamente nella tua casella di posta, riceverai un codice coupon che ti farà risparmiare sui tuoi acquisti su Farmacosmo.


Do il consenso a ricevere offerte via email e per finalità di marketing diretto
Dichiaro di aver preso visione dell' Informativa Privacy


Lascia un commento