Andare in vacanza sicuri: i 5 consigli del farmacista

Per rendere una vacanza rilassante e non trasformarla in un incubo, occorre prepararsi bene e non trascurare la salute.
I viaggi, infatti, sono spesso accompagnati da piccoli malanni, come febbre, insolazione, disturbi intestinali, in grado di metterci KO per alcuni giorni. Ecco perché è necessario partire organizzati e custodire nelle valigie, insieme ai vestiti, il nostro vademecum con cinque preziosi consigli sulla salute in viaggio.

1. Il “pharma-case”: ecco i farmaci da portare in viaggio

È opportuno predisporre una piccola farmacia da viaggio per evitare di lasciarsi prendere alla sprovvista nel caso in cui andiamo all’estero e potrebbe essere difficile trovare il corrispettivo esatto dei farmaci che siamo soliti acquistare in Italia, o comunque per trovarsi pronti a qualsiasi evenienza. Questo kit di farmaci da viaggio dovrà contenere farmaci antipiretici (perfetto il paracetamolo), antiinfiammatori e analgesici (come l’acido acetilsalicilico o altri Fans), antispastici (per il mal di pancia), un antiacido, antibiotici ad ampio spettro, antidiarroici, qualche lassativo come le soluzioni rettali al glicerolo, antistaminici, per attenuare eventuali manifestazioni allergiche come una pomata per le ustioni e una antistaminica, per alleviare il dolore delle punture degli insetti, di eritemi solari e pruriti della pelle, un prodotto repellente contro le zanzare, una crema solare ad alta protezione, un collirio. Nel caso in cui si soffra di una malattia cronica, inoltre, bisognerà portare con sé i medicinali abituali.

Per quanto riguarda il trasporto dei medicinali in aereo, vi consigliamo di portare nel bagaglio a mano solo i farmaci che potrebbero davvero servirvi durante il viaggio, con la loro scatola originale e il bugiardino. Caso diverso per i farmaci liquidi: le medicine nel bagaglio a mano si possono portare senza problemi se non superano i 100 ml ma vanno inserite nell’apposito sacchetto trasparente (che ha una capacità totale di un litro). Possono essere trasportati anche i farmaci liquidi che superano i 100 ml ma vanno accompagnati da relativa prescrizione medica, (meglio se in italiano e in inglese) che attesti la malattia, la necessità di trasportarne una quantità tale che basti per tutto il viaggio e i modi in cui vanno somministrati. Se ad essere trasportate sono le siringhe preriempite, bisogna fare attenzione a inserirle in un altro sacchetto di plastica trasparente e segnalarle all’imbarco. Chiedete sempre al vostro medico o al vostro farmacista le modalità di conservazione dei medicinali da portare in aereo e le eventuali accortezze che dovrete utilizzare durante il loro trasporto.

Esistono poi norme e divieti sul trasporto dei farmaci in aereo che variano da paese in paese e per questo vi consigliamo di informarvi prima sui medicinali vietati nel paese che sarà meta del vostro viaggio.

2. Preparare un diario sanitario.

Compilate un quaderno di viaggio con tutte le vostre informazioni sanitarie: oltre a nome, cognome, indirizzo e numero di telefono, inserire numero della tessera sanitaria, gruppo sanguigno, allergie o incompatibilità ai farmaci, vaccinazioni fatte. Da evidenziare eventuali problemi di salute (per esempio, l’ipertensione o il diabete) e terapie in atto (con l’elenco delle medicine che si assumono abitualmente).

3. Fare ricerche sulla destinazione del viaggio.

Fate una ricerca sulla meta della vostra vacanza: attingerete informazioni sulle norme di prevenzione consigliate ai viaggiatori. Se avete scelto una meta asiatica, africana o sudamericana, consultate l’ufficio di Igiene o gli ambulatori di Infettivologia presenti sul territorio: vi forniranno tutte le informazioni sugli eventuali problemi sanitari ed effettueranno le vaccinazioni necessarie per la meta della vostra vacanza (per esempio, antitetanica, antifebbre gialla, antitifica, antiepatite A, profilassi antimalarica). Inoltre, vi indicheranno anche le tipologie di farmaci (molte volte insospettabili) che sono vietati nel paese di destinazione e che, quindi doveste evitare di portare con voi.

4. In aereo, in auto o in treno bisogna muovere le gambe.

Se il viaggio richiede lunghi spostamenti in auto o in aereo, fate attenzione alle vostre gambe: dopo 4 ore nella medesima posizione inizieranno a dare segni di sofferenza. Per dare loro beneficio, non tenetele accavallate; alzatevi spesso per fare brevi passeggiate; ruotate i piedi ed eseguite movimenti con le caviglie; vaporizzate dell’acqua termale su caviglie e polpacci. Giunti a destinazione, massaggiatele con una crema a base d’ingredienti naturali, come i flavonoidi contenuti nell’estratto di foglie di vite rossa, l’escina,

5. Ricordarsi che l’idratazione è fondamentale.

Bevete almeno un litro e mezzo di acqua al giorno, meglio se due, per evitare la disidratazione causata dal caldo.
Attenti, però: anche se sotto il solleone il vostro più grande desiderio è quello di refrigerarvi con una bottiglia di acqua gelata, preferite sempre quella a temperatura ambiente: vi eviterà blocchi digestivi e congestioni.

Infine, se andate in un paese straniero, soprattutto se meno turistico, mangiate alimenti ben cotti, perché molti microrganismi non sopravvivono alle alte temperature, ed evitate di mangiare molluschi e frutti di mare crudi: salmonellosi ed epatite A potrebbero essere dietro l’angolo.

Vuoi ricevere uno sconto ogni settimana?
Iscriviti ora alla nostra Newsletter!

Assicurati di essere tra i primi a ricevere sconti e offerte esclusive, riservate agli iscritti alla nostra newsletter. Ogni settimana, direttamente nella tua casella di posta, riceverai un codice coupon che ti farà risparmiare sui tuoi acquisti su Farmacosmo.


Do il consenso a ricevere offerte via email e per finalità di marketing diretto
Dichiaro di aver preso visione dell' Informativa Privacy


Lascia un commento